fbpx

Home Restaurant Hotel dà il Benvenuto a Cristina e al suo Home Restaurant Cristina’s Cooking

Ecco a voi la sua intervista.. Buona Lettura!

 

Raccontaci qualcosa di te e del tuo Home Restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?


Cucinare a me piace proprio tanto, mi rilassa e mi da tanta soddisfazione, così un giorno ci siamo detti perché non aprire le porte anche a perfetti sconosciuti?! Da allora non ci siamo più fermati.

 

Caratteristiche della tua cucina?


Casalinga, tradizionale ma con un pizzico di creatività e fantasia. Curo l’impiattamento e l’apparecchiatura.

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?


Direi il flan di verdure con crema al parmigiano o i plin con un ripieno di broccoli e ragù di salsiccia o l’arrosto di giovenca maturata o i tajarin.

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?


Ho la fortuna di lavorare per un’azienda della zona che lavora della carne di alto livello e di avere sotto casa contadini che curano i propri orti come se fossero loro figli. Direi di avere la qualità e la tradizione a portata di mano sempre.

 

 

 

Una riflessione sul ruolo degli Home Restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?


Le potenzialità altissime proprio perché gli italiani sono da sempre uno dei popoli più ospitali e più attaccati alla tradizione culinaria…in passato quando andavo in vacanza e passavo tra i vicoli delle città e sentivo uscire i profumi dalle cucine delle case avrei desiderato tanto bussare e sedermi a tavola con queste casalinghe dalle manine d’oro. I ristoranti purtroppo a volte si adeguano alle richieste del turismo di massa e accantonano i piatti tipici del luogo. Le criticità sono certamente legate al fatto che non esiste una regolamentazione ben definita che crea disagio a chi vuole intraprendere questa avventura.

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?


Fondamentali i social. Per una realtà piccola come gli Home Restaurant il passa parola non basterebbe. Mio marito Massimo cura la parte social. I nostri canali sono Facebook e Instagram.

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di Home Restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?


Non saprei… Aprirei un ristorante…

 

 

 

Molti sostengono che gli Home Restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un Home Restaurant.


Ridicolo pensare che un Home Restaurant possa essere un concorrente sleale. L’Home Restaurant ha pochissimi coperti e apre le sue porte pochi giorni alla settimana. È come avere amici a cena, cucinare per loro e chiedere un contributo per la spesa. Questo è per me l’Home Restaurant.

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Prende forma dalla passione ..Se si riuscisse a conciliare passione con fonte di reddito, certo sarebbe fantastico.

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di Home Restaurant?


Se avete la passione per la cucina, siete ospitali e accoglienti fatevi avanti…la parola d’ordine deve essere: condivisione.

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo Home Restaurant lo faresti?


Certamente!

 

Grazie Cristina per l’intervista! In bocca al lupo per la tua attività!

 

Vuoi provare il menu sfizioso dell’Home Restaurant Cristina’s Cooking?

SCOPRI DI PIÙ!

 

 

home restaurant hotel

 

Author: Supporto HRH