fbpx

Home Restaurant Hotel da il Benvenuto a Nori, nuovo iscritto alla nostra Community e titolare dell’Home Restaurant Mogu Mogu

Ecco a voi la sua intervista… Buona Lettura!

 

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

 

Sono una Chef giapponese che ama cucinare piatti nipponici con un tocco fusion. Sono nata a Tokyo, mi piace condividere la mia passione per la cucina e prendermi cura dei clienti attraverso il cibo, anche quando incontro delle persone che hanno bisogno di attenzioni particolari (ad esempio allergie e intolleranze), perché cucinare è un modo di amare.

 

Caratteristiche della tua cucina?

 

La mia cucina è quella tipica giapponese casareccia. Mi piace cucinare anche vegetariano in stile zen. La mia cucina si può definire delicata e sofisticata.

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

 

Forse la tempura mista di verdura e gamberi, è molto buona.

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

 

Penso che il km0 sia necessario a preservare la propria cultura culinaria e tramandarla.

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

 

Gli home restaurant hanno la possibilità di far conoscere la cucina tradizionale in tutta l’Italia, oltre a poter condividere le proprie esperienze.

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

 

Sì, ho un profilo con l’attività. Ci dedico un paio di ore settimanali in modo costante.

 

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

 

Con maggiori controlli.

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensa? Ci esponga le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

 

Credo che siano due cose completamente diverse. I ristoranti hanno cuochi professionisti e gestiscono molti coperti, mentre gli home restaurant presentano un meno casalingo, nella propria abitazione, come se fosse la cucina della mamma.

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

 

Una fonte di guadagno e l’opportunità di far sorridere in tavola delle persone che hanno bisogno di stare in compagnia.

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

 

La voglia di mettersi in gioco e la capacità di coccolare le persone con il cibo.

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

 

Nel futuro probabilmente sì!

 

Grazie Nori per l’intervista! Complimenti per il progetto e buon lavoro!

 

Vuoi provare la cucina di Nori direttamente a casa tua? Clicca QUI e scopri il suo  annuncio!

 

 

home restaurant hotel

 

Vuoi restare aggiornato sulle ultime novità dal mondo del Social Eating? Segui Home Restaurant Hotel su Facebook!

 

 

Author: Supporto HRH