fbpx

Home Restaurant Hotel dà il benvenuto a OlisticHouse di Ida e Gaetano, nuovi iscritti alla nostra Community, da cui si potrà ordinare per consegna a domicilio un menu vegano fiorentino 

 

Benvenuti Ida e Gaetano, raccontateci qualcosa di voi e di come nasce la vostra OlisticHouse.

 

Ambedue napoletani, ci siamo conosciuti all’Istituto superiore alberghiero per poi intraprendere percorsi diversi che oggi si sono riuniti in modo sinergico. Ida è operatrice olistica e maestra Reiki, vegetariana da nove anni,  vegana da uno. Ha vissuto a Londra per venti anni, studiando con maestri internazionali le discipline olistiche ed esercitando quest’attività. Io ho ventidue anni di esperienza nel settore ristorazione in giro per l’Italia. Da cinque anni sono diventato vegetariano, per scelta emozionale, spirituale ed etica.

 

Ho avuto il privilegio di lavorare a Milano al Joia, con l’executive Sauro Ricci, fondato dal maestro Pietro Leemann, primo ristorante vegetariano europeo premiato con una stella Michelin.

 

Dal 2018 abbiamo avviato la nostra start up innovativa OlisticHouse, pensata inizialmente come uno studio di trattamenti olistici con l’integrazione culinaria vegetariana. Oggi il nostro approccio è invertito: partiamo dal cibo vegano, che creiamo e studiamo, ritenendolo una vera e propria cura energetica, da integrare e completare con i trattamenti olistici. Pensiamo che l’alimentazione, rappresenti una possibilità reale di grande cambiamento per il pianeta, uno dei percorsi fondamentali verso la sostenibilità parte proprio da come ci alimentiamo. Vogliamo trasmettere il concetto e la pratica del cibo come esperienza non violenta e sostenibile, ma appagante, per i sensi quanto per il messaggio che trasmette.

 

 

 

 

 

 

 

 

Addentriamoci nella vostra proposta gastronomica, come è organizzata?

 

OlisticHouse nasce a Firenze, città della cultura e dell’arte in Italia e nel mondo, una realtà che riteniamo molto adatta a diffondere il nostro messaggio anche verso l’estero.

In questa prima fase ci siamo orientati su un servizio di preparazione di piatti con home food delivery con un menu vegano fiorentino che verrà strutturato su 3 portate e altre sorprese. Piatti come “Quinto fungo alla fiorentina” o “semplicemente la trippa non violenta”, “pici sulla soia, lasciamo in pace il cinghiale” … lasciatevi incuriosirei!

 

Anche riguardo al modo con cui i piatti verranno consegnati, manterremo coerenza con il nostro approccio contro lo spreco e a favore del riuso: ogni contenitore, in vetro, sarà riciclato e riciclabile. In ogni consegna, accanto ai piatti ci saranno dei messaggi, dei mantra di accompagnamento ad un consumo consapevole, e una thank you card.

 

Faremo anche il nostro takeaway, ma solo di una proposta: il “seitanotto, il fake lampredotto” che “porgeremo” al cliente alla maniera antica, calando giù il paniere in vimini dal nostro balcone al primo piano!

Appena sarà possibile apriremo anche le porte al nostro home restaurant, come una proposta particolare: ospiterà solo due o anche una sola persona per assicurare una vera esperienza olistica integrata.

 

 

 

 

 

 

La comunicazione social che ruolo ha nel vostro progetto?

 

Un ruolo fondamentale! Utilizziamo molto Instagram, Byte e Twitter per raccontare la nostra passione e la nostra filosofia di vita, che è alla base di quel che facciamo. Svolgeremo dirette live su Instagram parlando di alimentazione con temi come fermentazione, meditazione ma anche geografia economica, creatività e  tecniche di automassaggio.

 

Avremo dei video “Enjoyfood”, con i consigli per finire i piatti a casa. Gli utenti potranno conoscerci da vicino, come persone e professionisti, vedendo il nostro modo di lavorare e capendo il nostro approccio. Pensiamo che oggi la condivisione e lo scambio siano aspetti molto importanti per ottenere fiducia e trasmettere il nostro messaggio. Il cambiamento è ora!

 

Complimenti per il progetto e buon lavoro!

 

 

 

Vuoi provare la cucina di OlisticHouse? Clicca qui e scopri il loro annuncio 

Author: Claudia Rusconi