fbpx

Home Restaurant Hotel dà il Benvenuto ad Agostino e al suo Home Restaurant Gnamm a casa mia Ecco la sua intervista, buona lettura!

Raccontaci qualcosa di te e del tuo home restaurant: perché hai scelto di intraprendere questa attività?

Sono  appassionato di cucina ed ho il pollice verde. Negli anni ho dedicato tanto tempo alle mie passioni, cucinando per parenti ed amici,  gestendo autonomamente il grande giardino che circonda il mia abitazione. Proprio per questo ho deciso di aprire l’Home Restaurant!  Condividere un’esperienza con con tanti amici e con le migliori portate locali, nel posto più accogliente che io conosca: casa mia!

 

Caratteristiche della tua cucina?

La mia cucina è legata alla tradizione pugliese con un’apertura a tutte le possibili commistioni dei sapori del Mediterraneo

 

 

Un piatto caratteristico che un cliente di fuori deve necessariamente assaggiare per comprendere a pieno la tua cucina?

 

Paccheri agli scampi, parmigiana di melanzane, maritati alla Norcia.

 

 

Cosa ne pensi del km0 e della cucina tipica locale?

Il Km0 è la migliore opportunità per tenere accesa e viva la fiamma della cucina tipica locale.

 

 

 

 

 

 

 

 

Una riflessione sul ruolo degli home restaurant nel sistema turistico italiano. Quali sono le criticità e le potenzialità?

Gli home restaurant danno una possibilità a quanti, come me, hanno sempre desiderato avere un “ristorante” dove poter esprimere le proprie capacità e la propria fantasia.

 

 

Parliamo di social media: quali sono i risultati in termini di immagine e di redditività che possono portare i vari social media? Se hai un profilo con la tua attività: gestisci direttamente l’account e quanto tempo richiede la gestione di questa attività social?

“Abitare” i canali social è imprescindibile, li definisco “luoghi” in cui incontrare potenziali ospiti, per offrire loro le proposte migliori e far gustare le nostre portate con gli occhi prima che con la bocca. Mi lascio aiutare nella gestione delle pagine da chi è un po’ più bravo di me: è essenziale presentasi al meglio!

 

Se oggi avessi la possibilità di regolamentare l’attività di home restaurant, come struttureresti le varie questioni fiscali, di agibilità dell’immobile e quelle igienico-sanitarie?

Le attuali regole mi sembrano giuste.

 

Molti sostengono che gli home restaurant possono rappresentare una concorrenza sleale nei confronti dei ristoranti, cosa ne pensi? Descrivici le principali differenze tra un ristorante ed un home restaurant.

Gli home restaurant potrebbero essere visti dagli “addetti ai lavori” come un ostacolo nel “sacro tempio” della ristorazione. Il nostro intento, però, è semplicemente quello di ampliare l’offerta facendo delle nostre attività una piccola novità, un incentivo in un panorama già ricco.
Sceglierà l’Home Resturant chi  predilige la tradizione con piatti preparati in casa, secondo le ricette tipiche che si tramandano di generazione in generazione.

 

 

 

 

 

 

 

Per te questa attività cosa rappresenta? Una passione, una fonte di guadagno primaria, un secondo reddito…

Innanzitutto una passione ma, anche, la possibilità impiegare in modo semplice e innovativo la grande villa della mia cara mamma, sede, appunto, del mio home restaurant.

 

 

Consigli per chi vuole avviare un’attività di home restaurant?

Scegliere con accuratezza quanto si vuole offrire ai propri ospiti: fantasia ed originalità nella proposta.

 

Se potessi avviare un’attività di b&b collegata al tuo home restaurant lo faresti?

Ho già gestito un b&b e credo di essere stato fra i primi nella mia zona. Collegarlo all’home restaurant? Stay tuned!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi provare l’Home Restaurant Gnamm a casa mia?

Scopri di più

 

 

Author: Supporto HRH