Come tutte le cose più buone che conosciamo, anche la pasta di mandorle ha una tradizione antica e lungamente tramandata.
Le suore, nei conventi della Sicilia, con il loro fare paziente e preciso,  lavoravano i prodotti della terra, ricavandone alimenti  essenziali per i pasti quotidiani, e semilavorati di base per la creazione di dolci e di altri prodotti più elaborati.
Il mandorlo sbarco’ in Sicilia insieme ai Fenici, e dopo si diffuse nelle colonie greche, dove le mandorle venivano utilizzate per la preparazione di squisiti dolci e per la produzione di un olio pregiato.
Il primo produttore mondiale di mandorle, all’ inizio del secolo scorso era proprio la provincia di Agrigento, che adesso cerca di recuperare questa tradizione, organizzando ogni anno la ” Festa del mandorlo in fiore”.
Ma i frutti più profumati arrivano dalle campagne di Noto, nel siracusano. La Pizzuta di Avola e’ la mandorla  più elegante e la più gustosa, usata soprattutto per la confetteria fine e per la preparazione dei dolci siciliani.
Ma quali sono i dolci che più amiamo della tradizione siciliana? Ogni provincia della Sicilia ha le proprie specialità preparate con le mandorle, ma tutti siamo d’ accordo ad eleggere regina la Pasta Reale: semplice farina di mandorle o mandorle frullate, impastate con zucchero a velo di uguale quantita’.
A questo delizioso composto viene data la forma di piccoli frutti o altre fantasiose composizioni, dai colori brillanti.
I croccanti torroni vengono invece prodotti aggiungendo alle mandorle un gustoso miele, mentre nelle pasticcerie di Avola viene preparato il tipico “Facciuna” aromatizzato alla cannella e cacao.
Infine, delizia delle delizie, il prelibato Latte di Mandorla, prelibato ed energetico, perché ricco di proteine e di preziose vitamine.
Insomma, sono tanti i motivi dolci per compiere una splendida vacanza nella nostra bella Sicilia.

Author: Gaetano